Wir freuen uns auf die Wiedereröffnung!
Ab Fr. 29.05 ist der Kaiserpark wieder geöffnet - siehe Öffnungszeiten

L´Arciduca Francesco Giuseppe, fin dalla nascita destinato a diventare l`Imperatore d’Austria, di conseguenza fu allevato ed educato con rigidità militare.
Nel frattempo, però, una principessa, futura Imperatrice d´Austria, stava crescendo nel vicino Regno di Baviera.

ke_15j.tifLodovica, sorella di Sofia, aveva sposato il Duca Massimiliano in Baviera, membro della Dinastia Reale Bavarese di Wittelsbach. Dopo la nascita dei loro figli maggiori, Luigi ed Elena, alla vigilia di Natale del 1837 nacque Elisabetta.
Il Duca Max crebbe i suoi otto figli in modo ben diverso.  Trascorrevano i periodi invernali a Monaco di Baviera e le estati nel loro castello di Possenhofen, vicino al Lago di Starnberg, dove giocavano con i figli dei contadini, senza inibizioni tra le classi sociali. Parlavano in dialetto bavarese, cavalcavano come acrobati da circo, erano ottimi nuotatori e alpinisti. Elisabetta godeva di quella libertà e della vicinanza alla natura, per questi motivi dopo da Imperatrice si sentiva come a casa nell’atmosfera familiare della Villa Imperiale a Ischl, mai però alla Corte Imperiale di Vienna, con le ferree formalità del severo protocollo.
Il 2 dicembre del 1848, "Anno delle Rivoluzioni", Francesco Giuseppe, all'età di 18 anni, salì al trono imperiale del Regno sovranazionale con allora 41 milioni di sudditi.
Suo padre Arciduca Francesco, aveva rinunciato alla corona in favore del figlio, eseguendo il desiderio della sua consorte Sofia.
ke_mit_mantelSua madre, donna particolarmente dinamica, allo stesso tempo chiamata “Imperatrice segreta”, per ragioni dinastiche prese in mano il problema di organizzare un matrimonio dinastico, per assicurare il futuro della Dinastia Asburgo.
Due tentativi fallirono. Quello con una principessa della Prussia, come anche quello con una principessa della Sassonia.

Sofia preferì vedere una delle sue nipoti sul trono austriaco. Si rivolse alla Duchessa Lodovica in Baviera, una delle sue sorelle, la quale venne il 18 agosto del 1853 con le due figlie maggiori, Elena di 18 ed Elisabetta di 15 anni, a Ischl, per festeggiare il 23 ° compleanno di Francesco Giuseppe.
La sua intenzione fu quella di festeggiare anche il fidanzamento ufficiale con la sua futura sposa, quindi con la cugina Elena.

Il risultato dell'incontro non ebbe l’esito sperato da Sofia, perché Francesco Giuseppe, scapolo più interessante del mondo di allora, era rimasto affascinato della sorella minore Elisabetta che aveva conosciuto il 16 agosto, quindi solo un paio di giorni prima..
Un caso d’ amore a prima vista, almeno da parte di Francesco Giuseppe, così descritto da sua madre nel suo diario e nelle sue lettere.

winterhalter_elisabeth_3Il giorno dopo, di sera, ebbe luogo un ballo. In quella occasione l`imperatore preferì ballare il cotillon con Elisabetta invece con Elena. Il 18 agosto, giorno del suo 23esimo compleanno, Sisi stette seduta accanto a lui al galà. Dopo i festeggiamenti Francesco Giuseppe chiese alla madre di parlare con la sorella Lodovica, per sapere la reazione di Elisabetta riguardante la proposta di matrimonio. La principessa giovane mostrò l'euforia confusa di un´adolescente emotivamente ancora immatura.
Il dado però fu tratto. La madre ambiziosa diede l´approvazione alle nozze per iscritto. Nonostante lo stupore generale Sofia annunciò che tutta la famiglia fosse felice della decisione dell`Imperatore.
Il19 agosto la famiglia si recò a piedi alla Santa Messa delle 11.00 nella Chiesa Parrocchiale di San Nicolò.  Entrando nella chiesa parrocchiale, l´Arciduchessa Sofia cedette il passo a Elisabetta. Quel gesto significò: ecco la futura Imperatrice d'Austria. Si cantò l`inno Imperiale di Josef Haydn „Gott erhalte”.
Alla fine della S. Messa Francesco Giuseppe prese la mano di Sisi e la accompagnò dal sacerdote e la presentò come futura sposa sua e chiese la benedizione.

franz_joseph2L'anno successivo ebbero luogo a Vienna “le nozze del secolo”.
Il 20 aprile del 1854 Elisabetta partì da Monaco per Vienna. L'arrivo di Elisabetta a Vienna a bordo della nuova nave austriaca: Divenne un avvenimento di splendore imperiale. Francesco Giuseppe di persona venne alla banchina del Danubio ad accoglierla e a accompagnarla con la lussuosa carrozza imperiale fino al Castello di Schönbrunn. Il 24 aprile 1854 il Cardinal Rauscher, Arcivescovo di Vienna, li unì in matrimonio nella Chiesa di S. Agostino, adiacente al Palazzo Hofburg. Da allora in poi Elisabetta, Imperatrice d'Austria e bellezza leggendaria del Novecento, divenne persona di pubblico interesse, rimanendo un personaggio universalmente affascinante.